Pensione di reversibilità e altri assegni per la morte dell’ex coniuge

Secondo quanto disposto dall’art. 9 l. n. 898/70, la ripartizione della pensione di reversibilità tra il coniuge superstite e l’ex coniuge deve essere compiuta tenendo conto della durata del rapporto matrimoniale di ciascun coniuge. Tale criterio non si pone come unico ed esclusivo parametro al quale conformarsi automaticamente ed in base ad un mero calcolo matematico, potendo essere corretto da altri criteri, da individuare nell’ambito dell’art. 5 della medesima legge, fermo restando che alla durata del matrimonio può essere riconosciuto valore preponderante e il più delle volte decisivo nella ripartizione della pensione.

Cassazione Civile, Sez. I, 17.12.2010, n. 25564

Teramo, 19 Marzo 2011  Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Divorzio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...