Modalità di accertamento e liquidazione dei crediti pecuniari del lavoratore per differenze retributive

L’accertamento e la liquidazione dei crediti pecuniari del lavoratore per differenze retributive debbono essere calcolati al lordo delle ritenute contributive e fiscali, tenuto conto, quanto alle prime, che la trattenuta, da parte del datore di lavoro, della parte di contributi a carico del lavoratore è prevista, dall’art. 19, l. 4 aprile 1952, n. 218, in relazione alla sola retribuzione corrisposta alla scadenza, ai sensi dell’art. 23, comma 1, medesima legge; e che il datore di lavoro, che non abbia provveduto al pagamento dei contributi entro il termine stabilito, è da considerare – salva la prova di fatti a lui non imputabili – debitore esclusivo dei contributi stessi. La retribuzione spettante al lavoratore per intero o quale differenza di quanto già ricevuto è pertanto quella cd. lorda, sulla quale dovranno poi essere pagati imposte e contributi.

 Tribunale di Teramo, Sez. Lavoro, 10.12.2010, n. 1067

Teramo, 26 Marzo 2011  Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Giurisprudenza di Merito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...