Lavoro subordinato: trasferimento o spostamento del lavoratore

Se il datore di lavoro non è in grado di dimostrare in maniera inequivocabile di dover usufruire dell’attività lavorativa del dipendente presso una nuova sede, il trasferimento è invalido. Il trasferimento non può trovare giustificazione neanche dell’ulteriore circostanza che la sede dell’azienda in cui il dipendente lavorava sia stata in seguito soppressa, atteso che trattasi di un evento comunque successivo al trasferimento.

Cassazione Civile, Sez. Lavoro, 02.05.2011, n. 9619

Teramo, 13 Maggio 2011 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...