Divorzio e assegno all’ex coniuge: accertamento redditi e patrimonio delle parti

L’accertamento del diritto a percepire l’assegno divorzile va effettuato verificando l’adeguatezza o meno dei mezzi del richiedente alla conservazione di un tenore di vita analogo a quello mantenuto in costanza di matrimonio (nella specie, la Corte ha osservato che nonostante il coniuge richiedente potesse contare su acquisizioni immobiliari a seguito di disposizioni testamentarie, e nonostante il conseguimento dell’intera proprietà della casa coniugale, l’assegno di mantenimento era comunque dovuto, perdurando una significativa sproporzione tra i redditi delle parti, che non consentivano al coniuge più debole di mantenere lo stesso tenore di vita precedente al divorzio).

Cassazione Civile, Sez. I, 14 Novembre 2011, n. 23776

Teramo, 27 Novembre 2011 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Divorzio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...