Risoluzione del contratto per inadempimento: eccezione di inadempimento (inadimplenti inadimplendum)

Nei contratti a prestazioni corrispettive, qualora una delle parti adduca, a giustificazione della propria inadempienza, l’inadempimento o la mancata offerta di adempimento dell’altra, si deve procedere ad una valutazione unitaria e comparativa dei comportamenti, tenendo conto soprattutto dei rapporti di causalità e proporzionalità (e non meramente cronologici) esistenti tra le prestazioni inadempiute, della loro incidenza sulla funzione economico – sociale del contratto, e quindi, degli interessi perseguiti dai contraenti (nella specie, relativa alla richiesta di pagamento di mensilità non corrisposte nell’ambito di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, la Corte ha escluso che potesse costituire inadempimento il mero stato di malattia del lavoratore, che integrava soltanto un caso di sospensione del sinallagma funzionale del rapporto).

Cassazione Civile, Sez. Lavoro, 18 Aprile 2012, n. 6039

Teramo, 21 Aprile 2012 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Lavoro, Obbligazioni e Contratti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...