Licenziamento disciplinare. Rifiuto di ricevere dei documenti ed apprezzamenti negativi sull’operato del datore di lavoro. Illegittimità del licenziamento

E’ da escludere che possa configurarsi una ipotesi di insubordinazione nel rifiuto del lavoratore di ricevere la documentazione concernente la procedura di mobilità, non potendo tale comportamento farsi rientrare nell’alveo delle obbligazioni nascenti dal rapporto di lavoro. Così come le frasi di apprezzamento negativo dell’iniziativa datoriale espresse dal medesimo lavoratore possono essere ricondotte alle sue prerogative di sindacalista ed appaiono inidonee a screditare sul piano commerciale l’operato dell’impresa, mentre l’espressione “sbruffone” rivolta all’amministratore unico della stessa, seppur censurabile sul piano disciplinare, appare inidonea a giustificare l’adozione della misura espulsiva, essendosi trattato di una semplice reazione emotiva scevra da intenti di minaccia.

Cassazione Civile, sez. Lavoro, 11 settembre 2012, n. 15165

Teramo, 12 Settembre 2012 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...