Il convivente more uxorio è detentore qualificato e può esercitare l’azione possessoria

convivenzaPoiché la famiglia di fatto è compresa tra le formazioni sociali che l’art. 2 Cost. considera sede di svolgimento della personalità individuale, il convivente gode della casa familiare – di proprietà del compagno o della compagna, per soddisfare un interesse proprio, oltre che della coppia – sulla base di un titolo a contenuto e matrice personale, la cui rilevanza sul piano della giuridicità è custodita dalla Costituzione, sì da assumere i connotati tipici della detenzione qualificata.

Teramo, 25 Marzo 2013 Avv. Annamaria Tanzi
RIPRODUZIONE RISERVATA
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Famiglia e Minori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...