Locazione di immobili: conseguenze dell’inosservanza dei termini di notifica del ricorso e decreto di fissazione dell’udienza di cui all’art. 435 c.p.c.

locazione di immobiliNel rito del lavoro, il termine di 10 giorni (applicabile anche in materia di locazione) entro cui l’appellante, ai sensi dell’art. 435, comma 2, c.p.c., deve notificare all’appellato il ricorso ed il decreto di fissazione dell’udienza, non ha carattere perentorio. Perciò, la sua inosservanza non produce alcuna conseguenza pregiudizievole per la parte, non incidendo su interessi di ordine pubblico processuale o su interessi dell’appellato, purché sia rispettato il termine di 25 giorni, previsto dall’art. 435, comma 3, c.p.c., che deve intercorrere tra il giorno della notifica e quello dell’udienza di discussione.

Corte di Cassazione, sez. III,13 maggio 2014, n. 10316

Teramo, 15 Maggio 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Condominio e Locazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...