Ai fini del redditometro non costituisce «fatto notorio» la mera prassi familiare di liberalità da parte dei genitori in favore dei figli per giustificare il tenore di vita più elevato rispetto a quanto dichiarato

Accertamento fiscaleUna consuetudine familiare – come quella di aiutare economicamente un figlio – non può assurgere al rango di fatto «notorio», ex art. 115, comma 2, c.p.c., consentendo così al giudice di ritenere l’esistenza dell’atto di liberalità e, quindi, di annullare l’accertamento. Pertanto,  Il contribuente che si oppone all’accertamento sintetico, giustificando la maggiore capacità contributiva con le elargizioni ricevute da un genitore, è tenuto a provare in giudizio tale circostanza, servendosi di idonea documentazione.

Corte di Cassazione, sez. Tributaria, 20 giugno 2014, n. 14063

Teramo, 30 Giugno 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Tributario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...