Licenziamento collettivo: il giudice deve sempre verificare la correttezza della procedura

Licenziamento collettivoIn materia di licenziamento collettivo, non è ravvisabile il vizio di extrapetizione nel caso in cui, avendo il lavoratore censurato il licenziamento sotto il profilo del mancato rispetto dei criteri di scelta e posta in dubbio anche la rituale osservanza del procedimento di cui all’art. 4 l. n. 223/1991, il giudice dichiari l’inefficacia del licenziamento per la mancata comunicazione alle organizzazioni sindacali dei criteri di scelta dei lavoratori da licenziare; facendo così corretta applicazione del principio dettato dall’art. 5 l. n. 223/1991 circa l’inefficacia del licenziamento in caso di violazione delle procedure previste dall’art. 4 della medesima legge.

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, 15 luglio 2014, n. 16134

Teramo, 16 Luglio 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Lavoro

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...