Archivi tag: assegno di divorzio

Assegno di divorzio: il Tribunale di Udine ha riconosciuto il diritto a percepire l’assegno divorzile in capo all’ex moglie convenuta tenendo conto del tenore di vita goduto in corso di matrimonio

Il Tribunale di Udine, discostandosi dal recente orientamento statuito dalla Cassazione con sentenza n. 11504/2017,  ha riconosciuto il diritto a percepire l’assegno divorzile in capo all’ex moglie convenuta tenendo conto del tenore di vita goduto in corso di matrimonio e degli ulteriori elementi indicati dall’art. 5 l. n. 898/1970.

Tribunale di Udine, sez. I Civile, sentenza 11 maggio – 1 giugno 2017

San Nicolò a Tordino, 25 Luglio 2017 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Divorzio

Tribunale di Milano: non rileva il tenore di vita per determinare il diritto all’assegno divorzile

Con la Sentenza 17 maggio – 5 giugno 2017, la Sez. IX Civile del Tribunale di Milano ha condiviso il recente orientamento della Cassazione che considera non più attuale né applicabile al nuovo contesto sociale e legislativo, il parametro del “tenore di vita” per individuare il diritto dell’ex coniuge richiedente l’assegno divorzile. Secondo la Suprema Corte, infatti, stante l’univoca funzione esclusivamente assistenziale dell’assegno divorzile, non deve più essere tutelato l’interesse dell’ex coniuge a conservare il tenore di vita matrimoniale, in un’ottica di riequilibrio delle condizioni economiche degli ex coniugi per tanto tempo ritenute sbilanciate a sfavore della donna, piuttosto l’interesse al raggiungimento dell’indipendenza economica, prestando attenzione alle condizioni del creditore e non a quelle dell’obbligato.
Deve, pertanto, considerarsi nuovo parametro al quale rapportare, nella prima fase dell’an debeatur, l’adeguatezza dei mezzi dell’ex coniuge richiedente l’assegno di divorzio e la possibilità o meno per ragioni oggettive dello stesso di procurarseli, l’indipendenza economica. Soltanto nella successiva fase del quantum debeatur sarà legittimo procedere ad un giudizio comparativo tra le rispettive posizioni personali ed economico-patrimoniali degli ex coniugi, secondo specifici criteri dettati dall’art. 5, comma 6, l. n. 898/1970.

Tribunale di Milano, sez. IX Civile, sentenza 17 maggio – 5 giugno 2017,

San Nicolò a Tordino, 07 Luglio 2017 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Divorzio