Archivi tag: INAIL

INAIL: reinserimento e integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro

Con la Circolare n. 30 del 25 Luglio 2017 l’Inail comunica l’attivazione alle nuove assunzioni ed in via sperimentale, delle misure già previste per sostenere le imprese negli interventi di conservazione del posto di lavoro delle persone con disabilità da lavoro.

Circolare n 30 del 25 luglio 2017

Allegato 1 alla Circolare 25-2017

San Nicolò a Tordino, 26 Luglio 2017 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in INAIL

INAIL: interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017

Con la Circolare n. 24 del 03 Luglio 2017 l’Inail fornisce le indicazioni operative riguardanti la sospensione degli adempimenti e dei versamenti dei premi assicurativi in riferimento ai Comuni colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017.

Comuni colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017:

REGIONE ABRUZZO:

1) Barete (AQ)

2) Cagnano Amiterno (AQ)

3) Pizzoli (AQ)

4) Farindola (PE)

5) Castelcastagna (TE)

6) Colledara (TE)

7) Isola del Gran Sasso (TE)

8) Pietracamela (TE)

9) Fano Adriano (TE)

circolare n 24 del 3 luglio 2017

All 1 Modulo sospensione sisma legge 45-2017

All 2 Modulo rateazione sisma legge 229-2016 e legge 45-2017

San Nicolò a Tordino, 05 Luglio 2017 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in INAIL

INAIL: rapporto di lavoro part-time verticale ciclico e prestazioni infortunistiche

inail-logo L’Inail, con la nota n. 3413 del 5 maggio 2014, fornisce chiarimenti circa la richiesta di disapplicazione dell’art. 70 del DPR n. 1124/1965 – nel periodo di pausa contrattuale, in caso di part-time ciclico – secondo il quale il datore di lavoro non può rifiutarsi di fare anticipazioni sull’indennità per inabilità temporanea quando ne sia richiesto dall’Istituto assicuratore. L’Istituto spiega come non sia possibile la disapplicazione dell’art. 70 del DPR 1124/1965 con la conseguenza che l’anticipazione della prestazione da parte del datore di lavoro non può essere sospesa durante il periodo di pausa contrattuale afferente al part-time ciclico.

Nota 3413 del 2014

Teramo, 23 Maggio 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in INAIL

INAIL: portale dedicato al tema della valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato

L’INAIL, nell’ambito delle attività svolte in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ha realizzato un portale dedicato al tema della valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato, nel quale è possibile accedere ad una serie di strumenti e risorse di utile supporto per le aziende che procedono alla valutazione del rischio da stress lavoro-correlato di cui all’art. 28, comma 1, del Decreto Legislativo. 81/2008 e s.m.i.
In particolare, il Dipartimento Medicina del Lavoro (DML) dell’INAIL ex ISPESL, in linea con quanto previsto nelle indicazioni metodologiche elaborate dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, ai sensi degli articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 28, comma 1-bis, del D.lgs. n. 81/2008, e s.m.i., emanate il 17 novembre 2010, ha elaborato una proposta metodologica, riportata in un manuale, basata sul Modello Management Standards approntato dall’Health and Safety Executive (HSE), contestualizzato al Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i., nell’ottica di offrire all’utenza un “metodo unico integrato” per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato.

http://www.ispesl.it/focusstresslavorocorrelato/index.asp

Teramo, 23 Maggio 2011 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in INAIL

INAIL: regolamento per il Fondo per le vittime dell’amianto

L’INAIL, con la circolare n. 32 del 5 maggio 2011, comunica il regolamento per il Fondo per le vittime dell’amianto. Hanno diritto alla prestazione del Fondo: i lavoratori titolari di rendita diretta, anche unificata, ai quali sia stata riconosciuta, dall’INAIL e dal soppresso IPSEMA, una patologia asbesto-correlata per esposizione all’amianto e alla fibra “fiberfrax”, la cui inabilità o menomazione abbia concorso al raggiungimento del grado minimo indennizzabile in rendita (pari o superiore
all’11% in “regime testo unico” e al 16% in “regime danno biologico”); i familiari dei lavoratori vittime dell’amianto e della fibra “fiberfrax”, individuati ai sensi dell’art. 85 del Testo Unico, titolari di rendita a superstiti, qualora la patologia asbesto-correlata abbia avuto un ruolo nel determinismo della morte dell’assicurato. Il beneficio si configura come una prestazione aggiuntiva alla rendita percepita, che ne costituisce il presupposto, ed è erogato d’ufficio dall’INAIL, previo trasferimento dei finanziamenti previsti a carico dello Stato e l’incasso degli oneri previsti a carico delle imprese. Per l’accesso al beneficio, pertanto, non deve essere presentata alcuna istanza.

Circolare 32 del 05.05. 2011

Teramo, 09 Maggio 2011 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in INAIL

INAIL: riarticolazione delle percentuali dell’oscillazione per prevenzione e nuovi termini

L’INAIL, con la circolare n. 17 del 15 febbraio 2011, ha comunicato la riarticolazione delle percentuali dell’oscillazione per prevenzione (c.d. Terza oscillazione) e nuovi termini per la presentazione delle relative istanze.

Il Decreto Ministeriale del 3 dicembre 2010 conferma la riduzione del tasso di premio per le aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (D.L.vo 81/2008 e s.m.i.), ma ne riarticola le percentuali secondo lo schema che segue:

Lavoratori – anno Riduzione
Fino a 10 30 %
Da 11 a 50 23 %
Da 51 a 100 18 %
Da 101 a 200 15 %
Da 201 a 500 12 %
Oltre 500 7 %

 

La modifica normativa, attraverso una migliore e più mirata articolazione delle percentuali di sconto correlate alle dimensioni aziendali, misurate in termini di lavoratori – anno, è volta a superare le criticità manifestatesi in questo primo decennio di applicazione, in relazione alla scarsa adesione delle aziende ed, in particolare delle PMI, alla riduzione. Al fine di effettuare una verifica sulla validità della scelta operata, il decreto prevede, dopo il primo biennio di applicazione delle nuove percentuali, che, per i Ministeri vigilanti, l’Istituto rediga una relazione illustrativa in merito alle effettive risultanze.

Circolare n. 17 del 15.02.2011

Teramo, 01 Marzo 2011  Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in INAIL, Uncategorized