Archivi categoria: Esecuzione forzata

Pignorabilità della pensione: il giudice dell’esecuzione, in considerazione degli elementi concreti, ben può stabilire una quota di pensione impignorabile superiore all’ammontare del trattamento minimo indicato dall’ente erogatore.

pignorabilità della pensioneL’ammontare della quota di pensione impignorabile, il c.d “minimo vitale” che assicura i mezzi adeguati alle esigenze di vita, non coincide necessariamente con l’importo di trattamento minimo indicato dallo stesso ente erogatore. Il giudice dell’esecuzione, infatti, chiamato a stabilirne l’entità, è libero, in considerazione degli elementi del caso, di individuare un “importo maggiormente adeguato a soddisfare la detta esigenza di assicurare al pensionato adeguati mezzi di vita”.

Corte di Cassazione, sez. III, 26 agosto 2014, n. 18225

Teramo, 08 Settembre 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Fondo Patrimoniale. Non è soggetto ad esecuzione il debito contratto per esigenze estranee ai bisogni familiari

Il Fondo patrimoniale.jepgNel caso di opposizione proposta dal debitore avverso l’esecuzione avente ad oggetto beni costituiti in fondo patrimoniale, per contestare il diritto del creditore di agire esecutivamente ex art. 616 c.p.c., l’onere della prova grava sul debitore opponente. Egli, in particolare, deve provare: la regolare costituzione del fondo patrimoniale, la sua opponibilità al creditore pignorante e che il debito per cui si procede fu contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia. Circa la questione identificativa dei crediti che, essendo stati contratti per far fronte ai bisogni della famiglia, possono essere soddisfatti anche in via esecutiva, la Corte di Cassazione ricordando il principio di diritto, secondo il quale «in tema di esecuzione sui beni del fondo patrimoniale e i suoi frutti di essi, chiarisce come il disposto dell’art. 170 c.c., nel testo di cui alla L. n. 151/1975, per il quale detta esecuzione non può aver luogo per i debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia, va inteso non in senso restrittivo, vale a dire con riferimento alla “necessità di soddisfare l’indispensabile per l’esistenza della famiglia”, bensì “nel senso di ricomprendere in tali bisogni anche quelle esigenze volte al pieno mantenimento ed all’armonico sviluppo della famiglia, nonché al potenziamento della sua capacità lavorativa, restando escluse solo le esigenze voluttuarie o caratterizzate da intenti meramente speculativi”.

Corte di Cassazione, sez. III, 11 luglio 2014, n. 15886

Teramo, 14 Luglio 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Non è legittima l’opposizione del terzo che non sia soggetto passivo dell’esecuzione

martello-libri-id10532Nell’espropriazione di crediti, il terzo, debitore del debitore esecutato, non è legittimato a far valere l’impignorabilità del bene, attendendo la questione al rapporto tra creditore procedente e debitore esecutato.

Corte di Cassazione, sez. III, 18 febbraio 2014, n. 3790

Teramo, 19 Febbraio 2014 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Il pignoramento del bene in comunione legale dei beni va fatto sull’intero

separazione_1_webLa natura di comunione senza quote della comunione legale dei coniugi comporta che l’espropriazione, per crediti personali di uno solo dei coniugi, di un bene (o di più beni) in comunione, abbia ad oggetto il bene nella sua interezza e non per la metà, con scioglimento della comunione legale limitatamente al bene staggito all’atto della sua vendita od assegnazione e diritto del coniuge non debitore alla metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene stesso o del valore di questo, in caso di assegnazione. La soggezione ad espropriazione di un bene compreso nella comunione legale dei beni, provocando lo scioglimento di detta comunione limitatamente a quel bene, comporta che il coniuge non debitore che ha eguale contitolarità, diventa soggetto passivo dell’espropriazione in concreto operata, con diritti e doveri identici a quelli del coniuge debitore esecutato: tale sua condizione imporrà la notificazione anche al coniuge non debitore del pignoramento, come pure l’applicazione al medesimo dell’art.498, e dell’art.567 cpc, vale a dire la necessità dell’avviso ai suoi creditori iscritti personali e della documentazione c.d. ipotecaria almeno ventennale a lui relativa, al fine di non pregiudicare i diritti di terzi validamente costituiti anche da lui sul medesimo bene.

Corte di Cassazione, Sez. III, 14 marzo 2013, n. 6575

Teramo, 24 Maggio 2013 Avv. Annamaria Tanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Anche se il titolo esecutivo tace sul punto, l’IVA è sempre dovuta

ivaOve non diversamente (esplicitamente o meno) statuito nel titolo e salvo il caso in cui ne sia in concreto dedotta la rivalsa o contestata l’esigibilità, compete al creditore, che agisca in via esecutiva, anche l’IVA sulla sorte capitale oggetto di una condanna per prestazioni ad essa soggette, anche in carenza di espressa menzione nel titolo.

Cassazione Civile, sez. III, 12 marzo 2013, n. 6111

Teramo, 18 Marzo 2013 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Titoli esecutivi:il giudice può d’ufficio determinare l’oggetto del credito e l’ammontare della somma di denaro dovuta

16-300x193Se nella pronunzia giudiziale fatta valere come titolo esecutivo mancano l’esatta determinazione dell’oggetto del credito e l’ammontare della somma di denaro dovuta, può essere rilevato d’ufficio dal giudice dell’opposizione all’esecuzione.

Cassazione Civile, Sezioni Unite, 2 luglio 2012, n. 11067

Teramo, 12 Marzo 2013 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata

Esecuzione forzata. Vendita forzata: nullità

La nullità dell’ordinanza di vendita o di assegnazione nel processo esecutivo, sia nell’ipotesi di vizi che direttamente concernono tali provvedimenti, sia che si tratti di vizi che rappresentino il riflesso della tempestiva e fondata impugnazione di atti del procedimento esecutivo anteriori ad essi ed obbligatoriamente prodromici, ha affetto anche nei confronti dell’acquirente o dell’assegnatario.

Cassazione Civile, Sez. III, 20 Aprile 2012, n. 6280

Teramo, 08 Maggio 2012 Avv. Annamaria Tanzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Esecuzione forzata